Agriturismo Le Piccole Macìe

Chiamaci

Scrivici

info@lepiccolemacie.com

Vieni a trovarci

Zona Corso 29 loc. Montiano
58051 Magliano in Toscana (GR)

Contattaci, ti risponderemo il prima possibile

Le Piccole Macìe

L’agriturismo Le Piccole Macìe nella maremma toscana si trova a pochi Km da Magliano in Toscana, Scansano, il Monte Argentario ed il Parco Regionale della Maremma, circondato da una distesa di radure boschive, campi e colture tipiche del territorio: oliveti, vigneti, pascoli, che delineano l’orizzonte.

L’ agriturismo Le Piccole Macìe interpreta uno stile essenziale, fondato sul calore, sulla semplicità e l’attenzione ai particolari.

Immerso nella natura, con elementi in grado di colpire profondamente i sensi di ognuno: profumi, immagini, silenzi, sapori e sensazioni ormai da molti perdute. Un luogo appartato, ove rigenerarsi, ascoltarsi, conoscersi, accuditi da un servizio accogliente e discreto e dove la parola relax è una realtà.

Le scelte fatte per il restauro del vecchio e malandato casale sono state pensate con estrema attenzione e cura, puntando con convinzione sull’uso delle energie rinnovabili ed ecosostenibili.

AGRITURISMO IN MAREMMA

la nostra storia

Raramente si ricordano con esattezza il luogo e l’istante esatti che battezzano un’idea. Ma nel nostro caso non è così. La scintilla scocca il 5 gennaio 2015, una strepitosa giornata di inizio inverno, con l’aria frizzante che a star fermi si ha freddo, ma basta muoversi un poco e come per magia si va a meraviglia.

Ero al terreno di famiglia, nei pressi di Grosseto, un appezzamento troppo grande per limitarsi a chiamarlo orto e troppo piccolo per assurgere alla dignità di podere. Intento a potare gli alberi di pesco, una passione ed arte antiche, acquisite da un amico venuto a mancare troppo presto. Alla vista degli olivi messi a dimora poco più di una decina di anni prima, balenò nitido un pensiero: e se ne avessi piantati degli altri? Li avrei visti crescere? Certamente… ma anche facendolo subito, sarei stato alla soglia della vecchiaia.

A volte pensiero ed azione sono separate da un lasso di tempo sorprendentemente breve. A mia moglie Marta dissi: o lo facciamo adesso, o mai più. Lei accettò la mia proposta con convinzione: sapevamo entrambi che ci sarebbero voluti anni con sacrifici e momenti duri, con difficoltà logistiche non trascurabili. Dopo quattro anni, devo dire che non avevamo esagerato.

Quando lo vedemmo per la prima volta, nella primavera del 2015, il terreno era in uno stato di abbandono. E da parecchi anni: le coltivazioni assenti; l’acqua una chimera; la casa non esisteva.

Ma il posto ci colpì per la bellezza e il senso di pace: il fatto che quei campi fossero ad una manciata di chilometri dai luoghi dove ho trascorso la mia infanzia, fece il resto.L’anno seguente ebbero inizio le opere di riqualificazione agronomica, con la perforazione di un pozzo per l’irrigazione ed il ripristino del corretto assetto idrogeologico del terreno.

A seguire, durante l’inverno del 2017, furono messi dimora oltre 1.600 piante d’olivo, messe a durissima prova da quella che sarebbe risultata l’annata più asciutta in Maremma negli ultimi 150 anni.

La decisione di acquistare la casa ed il terreno confinante con l’appezzamento già nostro fu ancora più sofferta, tante erano le incognite. Alla fine, decidemmo per il sì. Iniziò una fase nuova: avevamo una casa, anzi di più: era sorta la prospettiva di avviare un agriturismo.

La fortuna ci arrise: assemblammo in breve tempo un team di professionisti di ottimo livello e nell’autunno del 2017 iniziammo i lavori di ristrutturazione. Dal 25 dicembre 2018, a distanza di due anni da quella scelta decisiva, abitiamo la nostra nuova dimora. E siamo lieti di metterla a disposizione di coloro che vorranno esplorare uno scorcio di Maremma quasi intatto, con curiosità, attenzione e rispetto.

Prenota subito

ringraziamenti

Spesso ci dimentichiamo di ringraziare per quanto ci accade. Noi, semplicemente, non possiamo farlo. La nostra avventura è, prima di ogni altra cosa, una storia di terra e di persone. Anzi, di Terra e di Persone. Tutti noi proveniamo dalla Terra: ogni giorno si rafforza in noi il senso di riconoscenza per quello che la Natura è in grado di offrire, si tratti di un profumo, di un frutto, di un rumore sconosciuto o di un paesaggio. Dobbiamo ricordare che è la Terra che ci nutre, nel corpo e nello spirito.

Abbiamo avuto la fortuna di entrare in contatto con un contesto agronomico e paesaggistico di notevole valore e crediamo fortemente in quello che facciamo. Ma non saremmo arrivati a questo punto se non avessimo incontrato anche collaboratori ed amici eccezionali, capaci ed onesti: ci hanno ben consigliato e ci hanno detto qualche volta “NO”. Sopra ogni cosa, si sono fidati di noi e della nostra parola. Uno di loro un giorno mi disse: “Quando si lavora a questi progetti, si da tutto. Si da’ tutto. Perché aiutiamo le Persone a realizzare i propri sogni”. Lui, al pari di altri che abbiamo avuto la ventura di incontrare, lo ha fatto.

Alle persone oneste e generose che ci hanno aiutato e che continuano a farlo, va il nostro ringraziamento. Le Piccole Macìe non esisterebbero, altrimenti. A noi, resta il compito di essere all’altezza delle opportunità avute e della fiducia e dell’aiuto che le Persone continuano ad avere in noi.

Marta e Marco.